Come si registra un marchio in Italia


Buon anno a tutti!

Ho deciso di pubblicare come primo post dell'anno qualcosa che, secondo me, può tornare utile ai giovani designer che stanno valutando la possibilità di registrare il proprio marchio.

ANNO NUOVO VITA NUOVA, si dice, e perciò chi ha da poco intrapreso la professione di stilista è il momento migliore per compiere un primo ma decisivo passo per sè stessi e il proprio lavoro: il desposito della domanda di registrazione del marchio d'impresa.

Può sembrare un'operazione difficile e impegnativa, magari molti penseranno che bisogna rivolgersi ad unostudio legale e quindi spendere una somma di denaro consistente, ma non è affatto necessario. Chiunque può registrare un marchio senza spendere cifre esorbitanti e senza stressarsi eccessivamente.

Con questo post vi racconterò la mia esperienza e cercherò di darvi qualche dritta per la procedura di registrazione.

Prima di compilare moduli, procedere ai versamenti e tutto il resto, vi consiglio di collegarvi al sito dell'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (http://www.uibm.gov.it) per leggere e scaricare tutto ciò che può servirvi: dacosa significa marchio d'impresa a scaricare i moduli necessari per la domanda di registrazione.

L'altro passaggio fondamentale è sapere se il marchio che volete depositare appartiene già a qualcuno, in questo caso sarà inutile procedere perchè la domanda verrebbe rifiutata. Per svolgere questa ricerca potete consultare alcuni siti internet, per i marchi italiani c'è il già citato UIBM - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi:

  • http://www.uibm.gov.it/uibm/dati/

Per i marchi europei e internazionali, invece, potete collegarvi al sito dello UAMI - Ufficio per l'Armonizzazione nel Mercato Interno, qui sono catalogati i marchi comunitari:

  • http://oami.europa.eu/CTMOnline/RequestManager/it SearchAdvanced NoReg

Per i marchi internazionali c'è l'OMPI - Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale:

  • http://www.wipo.int/branddb/en/index.jsp

Infine, potete consultare anche il sito TMview, un servizio di ricerca cumulativa in dodici uffici marchi nazionali dell'UE:

  • http://www.tmview.europa.eu/tmview/welcome.html?language=it

Vi consiglio di consultare tutti i siti elencati, tanto per avere la certezza che il marchio che volete depositare non appartenga a nessuno, soprattutto se non volete registrare solo la vostra firma come fanno la maggior parte dei designers emergenti. A questo punto, se siete veramente convinti di procedere da soli in questa avventura, vi serve sapere che:

  • la domanda di registrazione può essere inviata per posta all'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi - Uff. G 10 - Via Molise, 19 - 00187 Roma, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, oppure, (come ho fatto io) depositata alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura della propria provincia. Vi consiglio di collegarvi al sito della Camera di Commercio della propria provincia per trovare i recapiti di riferimento dell'ufficio Marchi, di modo che possano darvi tutte le informazioni di cui avrete bisogno;

  • dopo di ciò, prima di compilare l'apposito modulo, denominato MODULO C, che trovate sempre nel sito del UIBM in formato pdf (anche se vi consiglio di scaricarvi il modulo in formato DOC, in modo che risulti più facile inserire nell'apposito spazio l'esemplare del marchio), dovrete effettuare dei versamenti e acquistare una marca da bollo di € 14,62. Assodato che volete registrare il marchio per una sola classe di prodotti (classe 25 - Articoli di abbigliamento, scarpe, cappelleria), dovrete effettuare un versamento di € 101,00, che consiste nel pagamento della tassa di domanda e registrazione marchio d'impresa, sul c/c postale n° 82618000 intestato all'Agenzia delle Entrate - Centro Operativo di Pescara. Ricordatevi di prendere un modello a tre tagliandi e specificate la causale del versamento!!!

Prima di proseguire, però, vorrei precisare che esiste una classificazione internazionale dei prodotti e dei servizi, denominata Classificazione di Nizza, una lunghissima lista con tutte le classi dei prodotti, che vi consiglio di consultare se volete registare il marchio per più classi. In questo caso, bisogna pagare 34,00 € in più per ogni classe aggiunta. Trovate la Classificazione di Nizza sempre sul sito dell'UIBM.

  • Adesso, dovrete pagare i diritti di segreteria alla Camera di Commercio presso cui effettuerete il deposito. Rivolgetevi alla Camera di Commercio perchè vi indicheranno se procedere ad un versamento o pagare in contanti direttamente presso la segreteria di riferimento competente. I diritti di segreteria ammontano a 40,00 €, oppure 43,00 € più un'altra marca da bollo di € 14,62 se richiederete una copia conforme all'originale.

Siamo giunti a metà strada e la spesa totale ammonta a € 155,62. Adesso si può procedere a compilare il Modulo C, che va compilato al computer. Dovrete stampare in tutto 5 copie, e su quella originale, andrà applicata la marca da bollo.

Compilare il modulo non è difficile, ma ci sono alcune cose che dovete sapere:

  • la tipologia di marchio che volete registrare. Dovrete scegliere tra VERBALE, FIGURATIVO, INDIVIDUALE, COLLETTIVO. Il marchio Verbale è composto da sole parole scritte su un'unica riga in carattere stampatello maiusolo e non a colori. Il marchio Figurativo è composto da sola grafica; grafica e parole; scritte di fantasia anche su più righe e a colori. Gli ultimi due marchi non ci interessano, quindi non è il caso di spiegarvi cosa significano;

  • l'altra cosa che può risultare un pò più difficile nella compilazione è il punto M del secondo foglio, Documentazione allegata o con riserva di presentazione. Nelle caselle vanno indicati il numero di documenti che si allegano al Modulo C, ma siccome avete deciso di fare tutto da soli, non ci sarà bisogno di lettera d'incarico, procura, ecc.Quindi, nella prima colonna di tre caselle scriverete 0, mentre nelle altre tre successive della stessa colonna scriverete No. Tutte le altre caselle della colonna accanto resteranno vuote. Poi c'è una casella più grande dove sciverete icodici identificativi del pagamento, li trovate sulla ricevuta del versamento di 101,00 € che avete già effettuato.

Siamo giunti alla fine, adesso l'ultimo passo è il deposito vero e proprio alla Camera di Commercio di riferimento. Una volta depositata la domanda di registrazione, il vostro marchio può essere accompagnato dalla dicitura TM, che significa Trade Mark, non è obbligatorio apporlo, ma indica che sono state avviate tutte le procedure per la sua registrazione. Il vostro marchio, infatti, è solo depositato, per la registrazione vera e propria passerà parecchio tempo, almeno 4 mesi, secondo l'UIBM, ma siamo in Italia e tutto si dilata, perciò armatevi di pazienza perchè in realtà, per il rilascio della certificazione, possono trascorrere anche 2 anni.

Spero tanto che questo post vi sia utile e se avete ancora dei dubbi non esitate a farmelo sapere lasciando un commento.

Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Instagram Social Icon

Atelier Nunù Studio di Nunzia Mortati @2016-2020 | P.IVA 03199190780 | Via San Giovanni Crisostomo, 7 - Firmo (Cs) | 0981 940577

  • w-facebook
  • Instagram - Grey Circle